Bagel

Benché il bagel sia nato nell’Europa dell’est, la prima traccia documentata risale al 1610 a Cracovia, è il tipico prodotto da forno per la colazione che viene consumato a New York e nelle grandi città del nord America dove siano  presenti grandi comunità ebraiche.
food-breakfast-fork-bagel-large.jpgNegli Stati Uniti il bagel è arrivato alla fine del IXX secolo con gli immigrati dell’Europa dell’Est, ma inizia a diventare un cibo di moda solo negli anni ’70 (qui la storia dettagliata).
È una pasta lievitata (bianca o integrale) a cui viene data una forma ad anello che prima viene fatta bollire e poi cotta nel forno fino a quando diventa dorata.
Viene venduta liscia o aromatizzata con una vasta gamma di semi o aromi: sale, semi di papavero, di sesamo, di girasole, cumino, aglio, cipolla, ecc. Si può trovare anche in versione dolce aromatizzata con miele, uvetta, mirtilli, scaglie di cioccolato ecc..
Può essere mangiata liscia, ma solitamente viene tagliata a metà, tostata e farcita.
La versione classica prevede una farcitura a base di cream cheese (formaggio simile al Philadelphia), salmone affumicato, pomodoro e, per i più coraggiosi, cipolla.

Nota personale: non è difficile trovare e consumare i bagel in qualsiasi ora della giornata con le farciture più disparate, la vera impresa impossibile è mangiarle dopo l’ora di colazione farcite con il salmone.

Nel Urban Dictionary si possono trovare ben otto pagine di espressioni idiomatiche con il termine bagel, molte delle quali di natura sessuale o variamente offensiva nei confronti degli ebrei.
Il punteggio a tennis di 6-0 viene definito bagel, mentre se l’incontro termina con un doppio 6-0 si parla di doppio bagel.
Può indicare semplicemente lo zero, espressione che deriva da un programma televisivo, può essere un’espressione di esultanza o indicare la marijuana.

Pubblicato da deboraserrentino

Sono una traduttrice professionale dall’inglese all’italiano e docente di inglese. Specializzata nel settore alimentare mi definisco foodie translator, perché del cibo amo tutti gli aspetti culturali, tecnici e linguistici, ma anche cucinarlo e mangiarlo. Mantovana di nascita e nel cuore, vivo a Bergamo da quasi vent’anni con un marito, un figlio, due gatti e una tartaruga.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: