Fenomenologia del corso di lingue

Cloud 36Avete mai provato ad andare in libreria (spero proprio di sì) e a fermarvi nella sezione relativa ai corsi di lingue?
Quelli dei corsi di lingue sono gli unici libri dai titoli che urlano: l’inglese in un mese, anzi no, l’inglese in 28 giorni, ancora meglio, l’inglese in 21 giorni, qualcuno offre di meno? Certo! Instant English, l’inglese in un attimo.
Ma perché fermarci all’inglese quando si può imparare il cinese o il giapponese in 30 giorni. Cosa c’è di meglio che imparare l’inglese cantando?
O il giapponese senza sforzo, ma io punto ad imparare il giapponese leggendo i manga (del resto so già dire Versailles no bara – la rosa di Versaille, e non è poco!).
Sull’arabo nessuno si pronuncia (brutto segno), in compenso lo spagnolo si impara in soli dieci argomenti, ma lo si può parlare da subito: in fondo lo sanno tutti che basta aggiungere una s alla fine delle parole e usare una cadenza misto veneta.
Il portoghese, al pari dello spagnolo, si può imparare senza sforzo, infatti si assomigliano al punto che se uno spagnolo e un portoghese si parlano si capiscono benissimo (certo, come no!).
Il tedesco e il francese non si sentano superiori alle altre lingue, che anche loro si imparano in soli 30 giorni e senza sforzo.
La collana 17 minutes languages vi insegnerà ben 79 lingue, ma non fatevi ingannare dal nome, vi serviranno ben più di 17 minuti.
Comunque nessuno di questi metodi potrà mai battere quello più facile, astuto e longevo (ebbene sì, negli anni ’80 era già di gran moda), l’unico vero uovo di Colombo in campo linguistico: impara le lingue dormendo!

Pubblicato da deboraserrentino

Sono una traduttrice professionale dall’inglese all’italiano e docente di inglese. Specializzata nel settore alimentare mi definisco foodie translator, perché del cibo amo tutti gli aspetti culturali, tecnici e linguistici, ma anche cucinarlo e mangiarlo. Mantovana di nascita e nel cuore, vivo a Bergamo da quasi vent’anni con un marito, un figlio, due gatti e una tartaruga.

Unisciti alla discussione

2 commenti

  1. Grazie per questo simpatico articolo, ho iniziato la giornata con un sorriso!
    In effetti è proprio vero, ti promettono la luna, ma senza un grossissimo impegno, studio, costanza e dedizione, una lingua non si impara, nemmeno nel sonno (e per fortuna, altrimenti saremmo tutti poliglotti e tuttologi!) 🙂

    Irene
    http://www.studioacler.com

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: